Rescalda 0 : 1 Cistellum

March 6, 2017

PAGELLE

 

Rescalda vs Cistellum

 

Il brutto stop con la Kolbe appare un lontano incubo ormai: la formazione cislaghese dimostra di sapersi calare nella parte e affrontare a testa alta sia le squadre di bassa classifica che quelle in zona play-off.

Scelte rumorose (con l'esclusione di due figure veterane tra gli 11 titolari, che ci auguriamo possano recuperarsi presto il loro spazio, in favore di forze fresche) e lavoro settimanale programmato, hanno ripagato, portando ai tanto sperate tre punti in uno scontro valido per un posto nei play-off: l'accoppiata tecnica Valentino Re e Alessandro Stefanescu sta dando risultati ottimi. È evidente come tutto il gruppo sia al loro fianco, nonostante le giuste difficoltà che si possono incontrare in queste categorie, uniti (anche tra primo e secondo tempo con corsetta professionistica: mannaggia mannaggia!!)

L'obiettivo principale della dirigenza, che deve ritenersi soddisfatta, è raggiunto: a prescindere dal risultato finale del campionato si sono gettate delle basi solide e genuine per la nuova CISTELLUM.

Tutto il gruppo, o quasi, festeggia a fine partita il compleanno appena passato di Marietto (dirigente Mario D'Amico): anche qui, tra chiacchiere, salame e mortazza, si vede il forte legame che si è creato dopo appena qualche mese dalla nuova fondazione!

 

 

1-PERNA (Davide Perna)

8 #DOMENICABESTIALE

Davide Perna con l'1? Non ho sbagliato e a fine partita si può affermare che non abbia sbagliato nemmeno Mister Vale (coraggio da vendere).

Nel riscaldamento era già tutto fangoso, con la bava alla bocca.

Nel primo tempo ordinaria amministrazione, se fosse stata fatta da un portiere di ruolo: ha dato tranquillità anche con la palla sui piedi.

Nel secondo tempo, sul finale, salva il risultato: la sua non è una parata plateale ma ha l'accortezza di rimanere in piedi fino all'ultimo.

Il voto: è sicuramente fuori ruolo ma non sembra per nulla.

E ora sarà lotta per la maglia numero 1 ?!?

 

2-MANU (Manuel Franchi)

6,5 #GAMBELARGHE

La fascia sinistra ha il suo padrone e a meno di svarioni sarà dura prendere altre strade.

Nel primo tempo la posizione, gli anticipi e la tranquillità sono da giocatore vero; occorre migliorare un po' sulle rimesse laterali ma qui c'è la complicità dei suoi che non si fanno vedere. 

Calo nel secondo tempo: sarà forse stato il riscaldamento nell'intervallo a sfasare i suoi bioritmi?

Nel finale affronta l'avversario a gambe divaricate facendosi saltare da pollo; la sua risposta (sarcastica) "SONO SCARSO": multa in vista!

Sappiamo bene che i numeri li ha ma van mantenuti per 95 minuti.

 

3-PIGO (Mirko Pigozzi)

7 #ANTICIPO

Il tappeto (ahah) di Rescalda non lo impensierisce, anzi!

È quello che più di chiunque altro azzarda l'anticipo e quasi sempre ci riesce. Non corre pericoli seppur rimanendo sempre abbottonato.

Nel finale anche lui si perde un po' facendo rimbalzare troppo la palla senza intervenire.

Chi gliela toglie la 3 ora?

 

4-NINO (Antonio Speranza)

7 #IMPERATORE

"Nino capì fin dal primo momento e l'allenatore sembrava contento: mise il cuore dentro le scarpe e corse più veloce del vento!"

Anche se la velocità non è il suo forte, Nino il cuore lo mette sempre: per sé e per i compagni.

Chissà che De Gregori pensasse proprio a lui? Improbabile, ma questo uomo di spogliatoio, rimpianto dalla Salus, sta dando qualcosa in più alla Cistellum nel girone di ritorno.

Nel fango o sul secco sintetico non cambia: sembra un gigante!

 

5-LUCCHI (Andrea Lucchini)

7 #6o13?

Domenica non c'erano dubbi sul tipo di pneumatico da indossare eppure, dall'alto della sua esperienza, sfida le leggi gravitazionali calzando delle leggere pantofole adatte più a una serata al Toqueville che sul campo di Rescalda (almeno nel secondo tempo).

Multa pagata (un deca), eppure guardalo lì: zampettare qua e la con la sua "culotica" andatura da sposa!

Lucchini? Ne vorrei avere due o tre nella mia squadra del fantacistellum!

Sicuro, anticipi, contrasti. Ha tutto per far la fortuna della compagine cislaghese negli anni a venire.

 

6-ARASERIED (Andrea Aracne)

7 #BRONZO

Quasi quasi me lo son confuso con il David di Michelangelo a Firenze, poi guardandolo bene ho capito che è meglio!

Un fisico statuario, movenze da professionista, ha finalmente trovato la sua forma fisica annullando con i suoi compagni ogni attacco avversario.

Solo all'ultimo si fa scappare un giocatore, in complicità con il suo amico Lucchini, ma c'è chi rimedia.

Sfiora il gol su corner nel primo tempo!

Bentornato giocatore, ora pedalare.

 

7-BOMBER (Luca Labita)

7 #MEGAFONO

È fuori dubbio che ci prova gusto a correre e giocare facendo la telecronaca della partita e rivolgendosi a tutti i suoi compagni che gironzolano attorno.

Questa domenica, soprattutto per la giovane età, prende "di mira" il suo compagno di reparto aiutandolo quanto può.

Fermato da un fuorigioco a tu per tu col portiere nel primo tempo.

Poi il suo lavoro di sempre: spizzate, protezione e guadagna falli. Manca il gol dopo sei giornate consecutive.

 

8-TRIU (Matteo Triulzi)

7 #OMBRA

La partita va giudicata per intero, altrimenti avrebbe guadagnato un voto più alto.

Nel primo tempo è un po' spaesato: un ruolo non consono e il movimento di tutto il reparto non gli sono di aiuto.

Nel secondo, su indicazioni del lungimirante Coach, si incolla sull'8 avversario (che si era reso fin lì pericoloso) e non lo molla: si racconta che a fine partita, tant'era la carica agonistica, abbia sbagliato spogliatoio per seguire il ricciolino di Rescalda anche al cesso... preso a "malaparole" è tornato tra i suoi a mangiar chiacchiere e bere champagne!

Non-molla-mai!

 

9-PERRO (Gabriele Perotta)

8 #ZAMPA

IL MIGLIORE

Semmai il campo di Rescalda avesse concesso a pubblico e giocatori qualche ciuffo d'erba, alle ore 17 di domenica non ce ne sarebbero stati più: il giovane Gabri corre in lungo e in largo, destra e manca, alla ricerca di palla o avversario.

Instancabilmente presente, quasi pilotato da fuori.

Il gol vittoria, con una zampata alla Totò Schillaci (non credo sappia cosa sia Italia '90) non è che la ciliegina sulla torta di una prestazione sublime: se poi arrivata da un giovane rampollo tanto meglio per la Cistellum.

 

10-NORBI (Norberto Rimoldi)

5,5 #ALICE

Lewis Carrol, a metà del 1800 circa, raccontava al pubblico di una ragazzina bionda che, dopo essersi appisolata sul tronco di un albero, attraversò un mondo meraviglioso tra conigli bianchi, brucaliffi, carte da gioco parlanti e tanti altri personaggi stravaganti. Il Norbi, come Alice, questa domenica appare un po' nel suo mondo, soprattutto nel primo tempo: sbaglia troppo spesso le uscite e non è sincronizzato con il suo dirimpettaio.

Nel secondo, un po' più libero dal pensiero della marcatura, si regala qualche galoppata e conclude con un assist per il gol.

La sua prestazione non troppo convincente viene coronata dalla doppia ammonizione dell'arbitro che veste i panni della cattiva Regina di Cuori: domenica di stop!

Inciampo per il Norbi questa domenica: la prossima settimana darà tutto il sabato sera, visto che si contiene sempre...

 

11-TORO (Alessandro Rossi)

6 #SFORTUNA

Il campo disastrato non aiuta e qualche infortunio era da mettere in programma. Speriamo non sia nulla di grave e di riaverlo già da domenica, visto la lunga fila in infermeria che già c'è.

Per la prestazione non ha tempo per dimostrare molto, anche se quando chiamato in causa è pronto e cazzuto come sempre.

 

13-SAMU (Samuele Carradore)

7 #CONFERMA

Giunto in ritardo al comunale di Rescalda (non trovava il campo dice...) si siede in panca ma subito chiamato a sostituire l'infortunio di Ale-Toro.

Come la domenica prima si riconferma: corre e non tira indietro la gamba.

Solo qualche volta viene pizzicato fuori posizione e corretto dai compagni.

A tu per tu col portiere viene fermato per fuorigioco.

Anche nel secondo tempo si spinge spesso in area avversaria per poi tornare a coprire fino alla linea propria di fondo.

Acquisita la giusta fiducia ora metterà in seria difficoltà Mister Re per un posto tra gli 11 in quel di Gerenzano! 

 

18-MARRA (Marco Maranzano)

SV #ALLAFINE

La scelta del mister lo tiene fuori dall'inizio.

Entra solo negli ultimi minuti e non fa in tempo a dire la sua in una partita che oramai volgeva al termine.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

  • Facebook App Icon